Il “Tavolo Scuola” e il Tavolo Città”  saranno condotti con metodologie attive da Sophie Brunodet -

Associazione BILOURA e da Patrizia Di Lorenzo - Associazione La Tenda della Luna

 

 

METODOLOGIA

 

IL SASSO NELLA SCARPA - La violenza sulle donne nelle piccole cose è un’opportunità per affrontare una riflessione delicata, quella delle violenze sulle donne, mettendo a confronto una parte viva della scuola, le/gli student* e il mondo che c’è fuori, la cittadinanza.

 

Condividendo il pensiero di Marzano, “la società è nella scuola, la scuola è nella società”, ci poniamo un obiettivo: quali sono le domande comuni ai due interlocutori a cui ci siamo rivolte e quali domande emergeranno in modo prorompente sul tema oggetto del dibattito? Qual è il sasso nella scarpa? Lo scopo è quello di attivare la disponibilità verso l’altro e la disponibilità all’ascolto per pensare e sentire.

 

Tanto nel “TAVOLO SCUOLA” quanto nel “TAVOLO CITTÀ”, la riflessione utilizza la stessa metodologia con lo scopo di realizzare nell’arco di tre ore, un confronto attivo e partecipato, attraverso il contatto con il proprio sentire, le proprie emozioni e il proprio pensiero. In particolare, attraverso la stimolazione dell’intelligenza emotiva, tutti i sentimenti del soggetto vengono ad acquistare importanza e significato. L’utilizzo di metodologie attive consente dunque l’attivazione non solo di competenze cognitive e tecniche, ma anche di competenze emotive e relazionali.

 

Il corpo, la sua immagine e la sua rappresentazione sono il punto iniziale del dibattito, per passare successivamente all’esperienza identitaria e terminare con le rappresentazioni del maschile e del femminile. La metodologia di riflessione applicata prevede una riflessione individuale, il piccolo gruppo, creando gruppi omogenei (solo maschi, solo femmine) e gruppi eterogenei (maschi e femmine) per concludersi in plenaria. Ciò consente di favorire il confronto tra le rappresentazioni soggettive e tra quelle dominanti in gruppi diversificati in vista di una grammatica ancora tutta da scrivere.

 

 

 Sophie Brunodet

 

Laureata a pieni voti in Filosofia Magistrale presso l’Università degli Studi di Torino. Socia Associazione Italiana Formatori (AIF), presso la quale ho recentemente concluso la formazione “Formare i formatori". Attualmente in formazione presso Proscenia – Istituto di Psicodramma e delle Arti sociali. Da anni formatrice per il Coordinamento Torino Pride (To) e il Maurice GLBTQ (To), in collaborazione col il Servizio LGBT della Città di Torino. Componente del direttivo dell’Associazione Culturale Biloura. Ha approfondito la formazione circa il tema della violenza di genere partecipando a GAP WORK, percorso formativo rivolto a professionisti di diversi ambiti e finalizzato al contrasto della violenza legata al genere nei contesti giovanili (programma europeo Daphne). Formatrice per il progetto #DI PARI PASSO IN DIVERSE DIREZIONI (Ao) rivolto alla prevenzione della violenza di genere. Coordinatrice progetto RETEINCORDATA2 (Valchiusella, Torino) finalizzato alla prevenzione del bullismo e della dispersione scolastica e alla promozione della cittadinanza attiva.

Patrizia di Lorenzo

 

Insegnante Formatrice Tutor Coordinatore Scienze della Formazione Primaria Università di Torino. Iscritta nell’Albo dell’ANFIS (ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORMATORI INSEGNANTI SUPERVISORI), ne e’ Referente per la sezione Infanzia e Primaria, Piemonte e Valle D’Aosta. Si occupa di formazione, prevenzione, di ed. all’affettività e alla sessualità, di disagio relazionale. Negli ultimi anni approfondisce le tematiche legate al maltrattamento, ai traumi infantili e alla violenza domestica (violenza assistita/violenza di genere) con uno specifico percorso presso il centro TIAMA (Tutela infanzia adolescenza maltrattata) di Milano. Conduce laboratori attivi rivolti a studenti e sostegno alla genitorialità sulle tematiche di genere e lo sviluppo delle competenze emotive; forma docenti e operatori educativi sulle tematiche relative al disagio relazionale, maltrattamento e abuso.Collabora con il gruppo di ricerca sull’osservazione dei comportamenti sessuali nei bambini con lo staff coordinato dalla dott. ssa Baietto del Regina Margherita.  E’ Presidente dell’ Associazione Tenda della luna e socia operativa. Cura da oltre 25 anni laboratori attivi per bambini/e volti allo “star bene a scuola”, come sviluppo delle competenze emotive, educazione all’affettività, all’identità di genere, alla prevenzione al maltrattamento e all’abuso. Ha ideato e sperimentato nel 2013 con la Dott. Dutto il progetto formativo attivo "Giocandocimettiamoingioco"- Coordinate psico-pedagogiche, prevenzione al disagio relazionale, all'abuso , al maltrattamento e sviluppo delle competenze emotive.